PSICO… CHI? METTIAMO ORDINE

da | 5 Giu 2020 | differenza, psichiatra, psicologo, psicoterapeuta | 0 commenti

Che differenza tra psicologo, psicoterapeuta e psichiatra?

Nel 2020 ci sono ancora persone che considerano la psicologia un’inutile arte divinatoria, che credono che andare dallo psicologo sia un’esperienza simile alla confessione, o che al contrario dallo psicologo ci vadano solo i matti (che poi, matti chi? I matti non esistono, sappiatelo).

Mettiamo un po’ di ordine!

Parliamo in particolare della differenza tra psicologo, psicoterapeuta e psichiatra.

PSICOLOGO: è un professionista sanitario! Gli psicologi svolgono diverse attività cliniche, racchiudibili in macro-categorie: prevenzione, diagnosi, intervento, promozione della salute, abilitazione-riabilitazione, sostegno e consulenza. Si rivolgono al singolo (bambini, adolescenti, adulti, anziani), alla coppia, al gruppo, alle aziende e altri organismi sociali o comunità. Ogni psicologo è specializzato in un ambito e verso un target di lavoro, in funzione del corso di studi svolto e di eventuali corsi di specializzazione successivi alla laurea.

Per diventare psicologo l’iter è: laurea magistrale di 5 anni, un tirocinio obbligatorio professionalizzante di 1000 ore, l’Esame di Stato e l’iscrizione all’Albo della propria Regione.

Nel suo lavoro utilizza soprattutto, ma non esclusivamente, la parola ed il linguaggio; in affiancamento esistono test, questionari, interviste, metodi grafici, strumenti neurocognitivi che fanno parte della cassetta degli attrezzi dello psicologo, in base alla sua formazione ed ambito di lavoro.

Gli psicologi fanno dei percorsi clinici con i propri pazienti, per lavorare (a titolo esemplificativo) su momenti biografici di crisi, sulle risorse personali, sulle relazioni poco funzionali, in situazione di malessere personale o professionale ecc. ciò che lo psicologo non può fare è prescrivere farmaci (non è laureato in medicina!) e svolgere percorsi di psicoterapia.

PSICOTERAPEUTA: è uno psicologo (o un medico) che dopo l’iscrizione all’albo decide di iscriversi ad una scuola di specializzazione (pubblica o privata), di quattro anni, in cui approfondirà un particolare approccio di lavoro clinico e le strategie connesse. Questa lunga formazione “supplementare” dà accesso alla possibilità di svolgere psicoterapia, ovvero un percorso strutturato di colloqui con un paziente (ma anche coppie o famiglie), in cui promuovere il suo benessere.

Ogni approccio psicoterapeutico utilizza modalità e strumenti diversi, esistono percorsi lunghi anni e protocolli di lavoro estremamente brevi. A fronte di questa diversità è possibile che le persone abbiano difficoltà a scegliere la formula di lavoro più idonea sè, per questo è importante che lo psicoterapeuta sia in grado di valutare, stante le questioni portate da ogni persona, se e come può essere efficace la sua modalità di lavoro per promuovere il suo benessere.

Anche lo psicoterapeuta può lavorare come psicologo in istituzioni pubbliche o enti privati. Come lo psicologo non può prescrivere farmaci. Alle scuole di psicoterapia possono iscriversi anche i medici (spesso chi ha svolto la specializzazione in psichiatria), per acquisire strumenti di lavoro psicologico con i propri pazienti.

PSICHIATRA: non è laureato in psicologia, bensì in medicina e chirurgia. Dopo la laurea chi decide di specializzarsi in psichiatria farà altri 4 anni di formazione specifica in questo ramo della medicina, che si occupa della cura delle cosidette “malattie psichiatriche”. Lo psichiatra svolge un ruolo importante nel prescrivere la farmacoterapia più idonea ad ogni situazione, e se specializzato in psicoterapia, può seguire i pazienti anche in un percorso psicologico.

La maggior parte delle più moderne ricerche in merito all’efficacia del trial cinici, dimostra come la farmacoterapia da sola dia risultati minori nel generare uno stato di benessere a lungo termine nei pazienti psichiatrici, rispetto alle situazioni in cui si affianca anche il lavoro psicoterapeutico.

… E lo psicoanalista? Spesso questa “figura” viene confusa come una professione a se stante, ma non è così. Si tratta di uno psicoterapeuta che si è formato con un approccio psicoanalitico.

E chi sono io? Io sono una psicologa iscritta all’Albo della mia Regione e sto frequentando una scuola di specializzazione in psicoterapia.

 

 

 

Dott.ssa Francesca Turco.

Pagina Facebook: Francesca Turco – Psicologa e Mediatrice

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *