Mediazione
Comunitaria

Il conflitto è componente integrante della vita umana, si trova dentro di noi e intorno a noi.

Sun Tzu

Sviluppo di una comunità coesa

Gestione dei rapporti di vicinato

Promozione scolastica di una “cultura dell’interazione”

Formazione su strategie di comunicazione efficace e soft-skills

Quest’area di intervento può sembrare meno riconoscibile rispetto alle altre in cui opera il mediatore.

Facciamo chiarezza.

Il mediatore di comunità può essere coinvolto dalla Pubblica Amministrazione per gestire situazioni conflittuali in interi quartieri e addirittura cittadine; può essere chiamato qualora diverse voci rivendichino l’uso di uno spazio pubblico senza riuscire a coesistere; può essere contattato da scuole ed aziende per migliorare il clima e rapporti interpersonali tra i dipendenti o fornire dei servizi ai loro clienti. Può rivestire il ruolo di formatore per lo sviluppo di soft-skills inerenti la comunicazione, tecniche di negoziazione e gestione di conflitti in molteplici contesti.

Come Mediatrice Dialogica, la mia formazione mi ha fornito non solo competenze utili alla risoluzione dei conflitti, ma anche competenze di “architettura di comunità”, inerenti cioè alla promozione del benessere di coloro che condividono una “porzione di comunità” (compagni di classe, colleghi di lavoro, vicini di casa…). Il mio contributo si orienta all’insegnamento di strategie interattive e modalità comunicative efficaci, elementi imprescindibili di una buona “convivenza”, in ogni sua forma.

Fin ora ho incentrato i miei interventi nell’ambito scolastico ed in quello condominiale.

AMBITO CONDOMINIALE


“Our house is also our home”, come recita questa frase il luogo fisico in cui abitiamo diventa per lungo tempo il nostro territorio ed il nostro focolare. Spesso esso viene condiviso con altre persone e altri nuclei familiari, che possono avere esigenze diverse dalle nostre. Il fatto che i rapporti con i propri vicini siano spesso destinati a durare a lungo, rende importante l’uso di strategie efficaci di convivenza, utili per ridurre frustrazione e rancore.

Per questo motivo la presenza di un mediatore competente nella gestione rapporti di vicinato può supportare un clima positivo di convivenza, governando le criticità insieme agli amministratori di condominio, sostenendo il loro ruolo.

Mi occupo di:

  • formazione agli amministratori   Approfondisci   di condominio (tecniche di gestione delle assemblee e team-work)
  • gestione dei rapporti di vicinato
  • risoluzione di specifiche situazioni conflittuali tra condomini

AMBITO SCOLASTICO


Il mediatore scolastico può intervenire ricoprendo diversi ruoli, in relazione alle esigenze di ogni istituto, in particolare:

  • Può essere chiamato a fronte di un’urgenza. Quando una o più situazioni di conflitto all’interno delle classi o di particolari gruppi di ragazzi, creano un clima di lavoro teso ed insostenibile, minando il loro benessere, quello dei compagni e degli insegnanti.

In questo contesto il mediatore pianificherà obiettivi di lavoro adeguati alla richiesta della scuola ed alla specifica situazione in essere, valutandone le criticità e individuando i processi interattivi e culturali alla base delle condotte conflittuali.

  • Può intervenire come formatore e “architetto di comunità”. Anticipando lo sviluppo e l’esacerbarsi di situazioni apertamente conflittuali, attraverso dei progetti (con ragazzi ed insegnanti), costruiti nell’ottica di promuovere la salute ed il benessere.

Questa prospettiva di lavoro parte dal presupposto secondo cui i giovani sono prima di tutto “cittadini in formazione”, risorse attive della comunità, e la scuola una “palestra” in cui acquisire ed esercitare competenze e responsabilità. Il lavoro svolto in classe con i ragazzi diventa un’occasione in cui innescare ragionamenti, sviluppare consapevolezze ed autonomia di pensiero e favorire il riconoscimento delle risorse personali e sociali disponibili, necessarie al percorso di crescita come membro della propria comunità.

In questa prospettiva propongo progetti per le classi, in istituti secondari inferiori e superiori, inerenti le seguenti tematiche:

  • promozione di un clima positivo in classe
  • sviluppo di strategie comunicative efficaci
  • rilevazione e gestione di interazioni critiche tra compagni
  • gestione di conflitti tra compagni
  • assunzione di responsabilità e riconoscimento delle implicazioni connesse ai propri comportamenti

 

Un altro livello di intervento, complementare, è la formazione con gli insegnanti, incentrata sullo sviluppo delle seguenti competenze:  

  • individuazione delle modalità interattive critiche usate dai propri alunni
  • gestione di assetti interattivi conflittuali nei gruppi classe
  • strategie di comunicazione efficace
  • strategie organizzative per lavoro tra colleghi (es. assemblee e consigli di classe)

339 3780039

info@francescaturco.eu

Studio

via Enrico Fermi, 25
30038 Spinea - Venezia

Modulo di contatto

11 + 4 =

Note legali

Termini d'uso
Privacy Policy
Cookies Policy

Altre pagine

Il progetto di questo sito web (a breve ...)

Copyright © 2019-2020 Francesca Turco - Crafted with by Eugenio Bettin